Forex trading: l’importanza dei grafici

forex trading

Una delle prime mosse da fare quando si inizia la propria attività nel trading online è certamente cercare una buona piattaforma broker che ci supporti passo dopo passo nelle nostre operazioni.

Queste piattaforme dovranno essere intuitive e semplici da utilizzare, ma soprattutto dovranno mettere a disposizione dell’investitore tutta una serie di grafici che possano contribuire a pianificare al meglio tutto il proprio lavoro.

Questa regola vale soprattutto quando ci troviamo a operare nel forex, il gigantesco mercato valutario all’interno del quale tentano la fortuna sempre più piccoli trader.

Già la definizione di grafico spiega tutto: si tratta della rappresentazione grafica di una serie di prezzi in un determinato arco temporale. Giusto per fare un esempio, potremmo utilizzare un grafico che ci mostri il movimento del prezzo di un’azione nell’arco di un anno, laddove ogni punto del grafico rappresenta il prezzo di chiusura di ogni giorno di attività.

Inutile sottolineare che l’importanza di simili informazioni, tanto più quando parliamo di forex, vista la sua liquidità e i continui movimenti al suo interno.

Ma come funziona un grafico? Si parte come prima cosa dalla variabile temporale: questa rappresenta tutta la gamma di date che il grafico mostra e che in generale possono variare da decenni a pochi secondi.

Le impostazioni più frequenti, utilizzate nel trading online come variabile temporale nei grafici, sono: intraday, giornaliere, settimanali, mensili, trimestrali e annuali. Minore sarà il timeframe, maggiore sarà la precisione del grafico. In base al grafico che useremo, ogni punto potrà rappresentare il prezzo di chiusura, il punto più alto (massimo) o il più basso (minimo) raggiunto in un determinato momento.

I grafici intraday riassumono il movimento dei prezzi nell’arco temporale di una giornata: in altre parole la variabile temporale può essere di 5 minuti o può coprire l’intera sessione di trading.

Quelli giornalieri sono costituiti da una serie di movimenti dei prezzi in cui ogni punto del grafico rappresenta una giornata di trading. Ancora una volta il punto può essere il massimo/minimo oppure il prezzo di chiusura.

I grafici settimanali, mensili, trimestrali e annuali sono utilizzati per l’analisi dei trend di lungo periodo. Ogni punto del grafico rappresenterà il sunto di cos’è successo in quel determinato periodo di tempo.

Ovviamente spetta al singolo trader come muoversi, puntando ad una maggiore sicurezza, o a introiti maggiori. In ogni caso, nel “caos” del forex, i grafici saranno essenziali.

Se ti piace Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code