Scegliere il conto deposito migliore: ecco come fare

conto deposito migliore

Individuare il miglior conto deposito? E’ sicuramente il sogno di tutti i nostri lettori che, in questo momento, si stanno domandando quale sia il prodotto in grado di massimizzare al meglio i propri investimenti, e cercare in tal modo di raggiungere in modo sicuro e senza rischi la migliore soddisfazione per i propri risparmi.

Eppure, la risposta alla domanda di individuazione del miglior conto deposito è ben più complessa di quanto possano immaginare coloro che, in realtà, puntano tutto sul tasso di interesse

Il motivo è abbastanza semplice: gli aspetti che ci permettono di valutare la bontà di un conto deposito – a parità di elementi di rischio – sono infatti numerosi, e raramente si ha la giusta consapevolezza per poterli valutare tutti nel modo in cui meriterebbero.

Certamente, uno degli aspetti che è opportuno prendere con le maggiori valutazioni del caso è il tasso di interesse. Il tasso di interesse (generalmente espresso in misura lorda) è infatti il tasso che indica la remunerazione del capitale investito, ed è dunque la “voce” che all’interno dei fogli informativi di trasparenza del prodotto potrà garantirvi i migliori riconoscimenti. Come intuibile, più elevato è il tasso di interesse applicato al conto deposito e più elevati saranno anche i rendimenti ottenuti in sede di liquidazione degli interessi.

Sempre con riferimento al tasso di interesse che viene applicato alle giacenze, ricordate come di solito questo sia corrisposto in misura fissa, e come generalmente vi siano due diverse politiche di proposizione commerciale: tassi di interesse più elevati quanto più elevato è il termine temporale di vincolo (cioè la scadenza temporale fino alla quale vi impegnate a non toccare i vostri soldi) e tassi di interesse più bassi per la raccolta a vista, senza vincolo.

Alla luce di quanto sopra, possiamo certamente ricordare come per poter ottenere i vantaggi migliori occorrerà puntare su vincoli temporali almeno pari a 6-12 mesi. E possimao certamente introdurre un secondo punto di riferimento nella valutazione del miglior conto deposito: a quanto ammontano le penali per rescindere dal vincolo? Date un’occhiata ai fogli informativi del prodotto che state per sottoscrivere: alcune banche non percepiscono alcuna penale ma si limitano a interrompere la maturazione degli interessi a tasso favorevole, altre banche invece applicano una penale legata agli interessi già maturati (ridotti del 50% o oltre). Se avete intenzione di sottoscrivere un conto deposito vincolato e sapete già che sarà possibile un recesso anticipato del vincolo, val la pena dare un’occhiata anche a questa voce di costo.

Prendete inoltre in debita valutazione tutte le altre voci onerose che, facoltativamente, potrebbero influenzare il rendimento del vostro conto deposito e, dunque, la convenienza o meno a individuarne uno piuttosto che un altro: le spese di accensione del conto, le spese fisse e periodiche, le imposte, le spese di estinzione, e così via.

Insomma, anche in questo caso val sempre la pena di ricordare il buon vecchio invito a non lasciarsi prendere dalla fretta e dalla tentazione di accettare le offerte che sembrano troppo convenienti!

Se ti piace Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code